a


Don’t _miss

Wire Festival

 

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nullam blandit hendrerit faucibus turpis dui.

<We_can_help/>

What are you looking for?

Informazioni

Il personaggio

Colours Jazz Orchestra

Colours Jazz Orchestra meets Chico Pinheiro

Direttore Massimo Morganti

Colours Jazz Orchestra

La Colours Jazz Orchestra nasce nel 2002 da un’idea di Massimo Morganti, trombonista, compositore e direttore, che riesce a coinvolgere nel progetto i migliori musicisti marchigiani.

Con l’obiettivo di proporre sonorità contemporanee ed innovative, il repertorio dell’orchestra da subito si concentra sulle musiche di Maria Schneider, giovane compositrice americana e figura di riferimento della scena musicale di New York, allieva di Bob Brookmeyer e assistente di Gil Evans; viene presentato un approfondito lavoro che si concentra sul suo disco “Evanescence”.

Successivamente il repertorio si arricchisce con le composizioni di Kenny Wheeler, straordinario trombettista e compositore canadese, con il quale l’orchestra collabora stabilmente dal 2003 e con il quale ha partecipato ad alcuni dei più importanti festivals musicali italiani (Prato, Verona, Bertinoro, Modena, Gubbio No Borders, Fano Jazz By The Sea, Ancona Jazz Summer Festival, Umbria Jazz) presentando, oltre alla celeberrima “Sweet Time Suite” del disco “Music for large and small ensamble” (eseguita anche con John Taylor al pianoforte), composizioni recenti come la “Suite 2005” in prima esecuzione italiana ed arrangiamenti di celebri brani come “The man i love” e “I should care” in prima esecuzione assoluta.

Nel marzo 2008 incontra Ayn Inserto, giovanissima compositrice americana della scena di Boston attraverso un workshop di composizione e un concerto al teatro La Fenice di Senigallia.

Nel giugno 2009 il primo importante lavoro in studio “Nineteen plus one” (edito da ASTARTE e EGEA) con Kenny Wheeler in veste di solista e compositore. Disco che ha riscosso in breve tempo un notevole successo di critica in italia e all’estero (da menzionare le 4 stelle date al disco dalla rivista musicale inglese del Guardian) [vedi allegato].

Nell’inverno 2009-2010 l’incontro con l’autore ligure Roberto Livraghi (firma di celebri brani degli anni ’60 come Quando m’innamoro e Coriandoli) porta all’incisione di un disco di suoi brani arrangiati appositamente per l’Orchestra dal titolo “Quando m’ innamoro”… in Jazz uscito per l’ etichetta EGEA

Nel 2015 esce “Home Away From Home” con musiche della giovane compositrice statunitense Ayn Inserto, allieva del grande Bob Brookmeyer e già insegnante al Berklee College of Music di Boston.

Nel corso dei suoi quasi 20 anni di attività l’orchestra ha ospitato alcuni trai i più grandi musicisti del panorama nazionale e internazionale come Maria Schneider, Bob Brookmeyer, Kenny Wheeler, John Taylor, Bob Mintzer, Leszek Kulakowski, Mats Holmquist, Ayn Inserto, Ryan Truesdell, Scott Robinson, Marco Tamburini, Fabrizio Bosso, Karima, Fabio Concato, Walter Ricci, Francesco Cafiso, Gianluca Petrella e molti altri.

La formazione dell’orchestra comprende 5 sax, 4 trombe, 4 tromboni e ritmica (chitarra, pianoforte, contrabbasso, batteria) con l’aggiunta del trombone del direttore Massimo Morganti, giovane solista emergente in Italia; tra le file dell’orchestra oltre a validi jazzisti attivi da anni sono presenti giovani musicisti emergenti a livello nazionale:

SASSOFONI:
Simone La Maida
Maurizio Moscatelli
Filippo Sebastianelli
Antonangelo Giudice
Marco Postacchini

TROMBE:
Giorgio Caselli
Giacomo Uncini
Samuele Garofoli
Luca Giardini
Michele Samory

TROMBONI:
Luca Pernici
Paolo Del Papa
Carlo Piermartire
Pierluigi Bastioli

CHITARRA: Luca Pecchia
PIANOFORTE: Emilio Marinelli
CONTRABBASSO: Gabriele Pesaresi
BATTERIA: Massimo Manzi

 

Chico Pinheiro

Considerato uno dei più espressivi artisti della musica brasiliana contemporanea il chitarrista, arrangiatore e compositore Chico Pinheiro è nato a São Paulo, Brazil, e ha iniziato a suonare la chitarra a sedici anni. A quattordici ha iniziato a lavorare come chitarrista di studio e presto ha iniziato a essere convocato come sideman da un ampio range di artisti prima della sua città natale, poi del Brasile e poi in tutto il mondo.
Nel 2002 Chico ha creato la sua band e ha iniziato a registrare come bandleader. Il suo primo album ‘Meia Noite Meio Dia’ (Sony Music/ 2003) è stato incluso nei dieci migliori album brasiliani dell’anno dalle più importanti testate del Brasile. Il suo album più recente “City of Dreams” (2020), il settimo della sua carriera, è stato candidato ai Grammy nella categoria “Best Latin Jazz Album”

Lunedì 12 Luglio 2021

Porto Turistico